Tu sei qui: Home Ufficio Stampa Comunicati Stampa del 2009 cs-28-09 Il fisico solare dell’anno è un ricercatore dell’INAF

Clicca per espandere le voci del menù

 

Il fisico solare dell’anno è un ricercatore dell’INAF

Azioni sul documento

 

20 luglio 2009

 

Mentre s’avvicina l’eclissi di Sole più lunga del secolo (il 22 luglio, ma non sarà visibile dall’Italia), Alessandro Bemporad, ricercatore dell’INAF-Osservatorio Astronomico di Torino, vince l’edizione 2009 del premio internazionale JOSO, assegnato ogni due anni al miglior fisico solare under-35. Un suo articolo apre nuove ipotesi sulle tempeste solari. 

 

Gli 800 euro in palio non gli saranno sufficienti per volare in Cina ad assistere di persona, mercoledì 22 luglio, a quella che si annuncia come l’eclissi di Sole più lunga del XXI secolo (6 minuti e 39 secondi nella zona di massima durata). Ma se c’è qualcuno che sa come sfruttare un’eclissi solare al meglio, per lo meno da un punto di vista scientifico, è proprio lui, Alessandro Bemporad, astronomo 33enne dell’INAF-Osservatorio Astronomico di Torino: la Joint Organisation for Solar Observations (JOSO), infatti, lo ha appena dichiarato vincitore dell’omonimo premio, un prestigioso riconoscimento internazionale assegnato ogni due anni al miglior articolo di fisica solare pubblicato da un giovane ricercatore.

 
«Il mio campo di ricerca è la spettroscopia dei plasmi della corona solare», spiega Bemporad, «e in effetti le eclissi di Sole sono l’unica occasione che abbiamo per vedere e studiare la corona solare nella luce visibile direttamente da Terra. Fortunatamente, però, ci sono anche i satelliti. Nel mio articolo, per esempio, mi sono avvalso dei dati raccolti dal  telescopio spaziale SOHO: una sonda, della NASA e dell’ESA, che ha fatto la storia della fisica solare».

 
Ed è proprio analizzando le osservazioni nell’estremo ultravioletto raccolte dallo strumento UVCS (Ultraviolet Coronagraph Spectrometer) a bordo di SOHO che Alessandro Bemporad s’è imbattuto in una super tempesta solare: come quelle che, quando investono il nostro pianeta, oltre a provocare le aurore polari possono mandare in tilt le telecomunicazioni e causare black-out. Alcune ore dopo la tempesta magnetica dell’articolo di Bemporad, avvenuta nel 2002, la corona solare raggiunse la temperatura record di più di 6 milioni di gradi. «Un problema con la P maiuscola, per noi fisici solari, è capire perché, allontanandosi dalla superficie del Sole la temperatura, invece di diminuire, aumenti fino a raggiungere il picco a circa 200mila chilometri dalla superficie. Ma, anche in quel punto della corona, raramente si arriva a 2 milioni di gradi».

 
Insomma, 6 milioni di gradi sono davvero troppi per poter essere descritti dalle teorie correnti. Il modello alternativo proposto da Bemporad, che ha stregato la giuria del premio JOSO, ipotizza che il fenomeno fisico alla base di simili eventi, detto «riconnessione magnetica», responsabile del riscaldamento del plasma, non avvenga in un solo punto della corona, ma sia distribuito su una miriade di strutture talmente piccole da non poter essere distinte dagli strumenti attuali, generando turbolenza. Così si spiegherebbe anche lo spessore stranamente elevato della zona di riscaldamento (nell’ordine di 10mila chilometri) rispetto ai pochi metri previsti dalle attuali teorie.

 
In attesa del premio, che gli verrà consegnato nei pressi di Graz (Austria) a fine settembre, Bemporad e i suoi colleghi dell’Osservatorio di Torino continuano a studiare il Sole. E anche se non potranno vedere l’eclissi, lo farà per loro uno strumento sviluppato dall’Osservatorio di Torino, il coronografo SCORE (Sounding-rocket Coronagraphic Experiment), che verrà lanciato dall’Istituto di ricerca americano Naval Reasearch Laboratory a bordo di un razzo sub-orbitale il 21 luglio, in concomitanza dell’eclissi. «Non sarà come vederla da qui», ammette a malincuore Bemporad, «ma insomma... quasi!»

 
Per interviste:  Alessandro Bemporad, cell. 347.197.0625, tel. 011.8101.954
                        email: bemporad@oato.inaf.it

 
Clicca qui per accedere al press-kit con immagini e altre risorse

 

article_figure_web.jpg

 Immagine tratta dall'articolo premiato di Bemporad. Evidenzia come all'interno dello "strato di corrente", la struttura "macroscopica" (spessore di circa 10 mila kilometri), esistano una moltitudine di piccole strutture (non osservabili con le attuali risoluzioni) con dimensioni scala molto minori (dai 10 ai 10000 metri). È all'interno di quest'ultime che avviene la conversione dell'energia magnetica in energia cinetica e termica del plasma, ossia l'accelerazione e riscaldamento del plasma, attraverso la cosiddetta "riconnessione magnetica". La parte destra di questa figura rappresenta appunto uno "zoom" immaginario della zona coronale evidenziata da un quadrato rosso nell'immagine di sinistra, zoom all'interno del quale si possono distinguere le zone di riconnessione magnetica a piccola scala.

 

bemporad_web.jpg

Alessandro Bemporad